Allora facciamo un patto, io non prendo per il culo voi e voi fate lo stesso con me. Per cui, non iniziate col dire che voi porno non ne avete mai visti. Che non avete mai chiesto a un amico maggiorenne (o presunto tale) di andarvi a comprare il giornale con le tettone e dvd allegato in edicola. Che non avete mai fatto scorrere i canali per vedere la bionda dell’144. Non lo fate, che poi mi fate pensare che siete quelli che per comprare i preservativi aspettate che la farmacia chiuda per prenderli dalle macchinette.

L’ULTIMO PORNAZZO

Ok, pattuito quanto detto. Andiamo avanti e come al bar fra maschi, parliamo dell’ultimo pornazzo beccato in rete (anche perché sono finiti i tempi del postalmarket, oggi su Pornhub davvero ci puoi finire per sbaglio). Avete mai fatto caso alle trame dei porno? No, davvero. Quelli degli anni ’70 li riconosci per quelle musichette da hall d’albergo che farebbero ammosciare qualsiasi millennial, l’idraulico entrava per cambiare un sifone e poi si ritrovava con la chiave inglese in mano. Poi la fotografia, i capelli cotonati delle pornodive, tutte ricce. Immagini scure, quasi gialle, come quelle di Breaking Bad quando il protagonista si sposta in Messico.

C’E’ UN PACCO SPECIALE PER LEI

Il filo conduttore era elaborato (si fa per dire) e si basava sull’equivoco: il postino, l’idraulico, il pompiere, l’infermiera, la professoressa, perfino il becchino alcune volte. Si è rotto un rubinetto, c’è una donna che va a fuoco, papà ha la febbre, non hai studiato e adesso dovrò sculacciarti, c’è un pacco speciale per lei. Poi la mitica Diva Futura con gente che chiamava e diceva: “Ti prego, fammi vedere i piedi”. Una volta, mia nonna ci finì per sbaglio e precipitato in salotto le dissi urlando nonna, ma che fai, ti guardi i film di tigno? Ma quale tigno e tigno, rispondeva. Che era riservata e se avevo le mani lì a sette anni, mi diceva di toglierle dalla natura. Mi comprendeva e anche se il sesso era un tabù, quando le presentai un’amica mi disse che era fracca per certe cose.

MIA NONNA E GLI HARMONY

Mia nonna era pratica, di una cultura inarginabile coltivata a pane e Flaubert e nonostante i grandi classici, il peso di una scrittura di livello, poi si distraeva con gli Harmony in mano, si addormentava tardissimo, piegata sul fianco sinistro, mentre in mano aveva ancora titoli imbarazzanti: Fidanzata col nemico; Il milionario di ghiaccio; Al servizio dello sceicco; Scandalo in paradiso; Le regole del desiderio; In affari col greco; Il segreto della sposa; Regina per una notte… Li ho tutti conservati.

IL TRADIMENTO DELLA MANO

Figlia della guerra, romantica e donna. Di un tempo in cui ci si toccava lentamente, senza premura, dove perfino Mecio Tempio era eccitante. Dove i film erotici, i porno di ieri e quelli di oggi sembrerebbero un tradimento. Del corpo, della mente, della mano. Oggi è tutto più veloce, una clip che comprende preliminari, atto sessuale e gran finale può durare anche soli quattro minuti. Tassisti che scopano con le turiste, albergatori che scopano con le turiste, uomini che pagano le turiste per scopare, insomma la globalizzazione. Per non parlare dei rapporti incestuosi, la mamma che dà al figlio per sbaglio il viagra e allora che fare, bisogna aiutarlo, non lo si può lasciare così, in quello stato.

QUANDO MIO FIGLIO SI MASTURBERA’…

Tutto troppo breve, immediato. Click, venuto, ciao. Quando domani mio figlio si masturberà vorrei potesse farlo secondo un suo rito, una sua solitudine che poi solitudine non è, è in compagnia di se stesso. Vorrei potesse farlo secondo una sacralità puntuale e rigorosa, tutta sua. Per carità senza per forza puntare troppo sulla trama e neanche sul finale, creando ricordi che un domani lo faranno sorridere pensando alla paura della mamma che potrebbe spalancare la porta della stanza o del padre che non capirebbe, perché i padri non capiscono mai nulla, ma sanno sempre tutto. Conoscono la vita dei figli e sanno come va a finire, come i porno, provano ad anticiparla a chi viene dopo senza però rovinare il finale. E poi chi è che guarda un film porno per vedere come va a finire?

Playlist: Erotika – Madonna